Gli appalti PNRR attivi a dicembre 2023

Circa il 57% dei bandi riguarda progetti di economia circolare. Il Sud sorpassa il Nord per numero di gare

Novembre, con i suoi 99 bandi di gara totali, presenta due sorprese: la prima è la predominanza di appalti legati all’economia circolare, la seconda è che per la prima volta il Sud conta più gare del resto di Italia, superando, seppur di poco, il Nord della penisola.
Restano sempre numerosi i bandi legati ai progetti di ricerca, così come quelli destinati alle infrastrutture sociali per sviluppare una maggiore inclusione e coesione.

SCARICA IL BANDO DI GARA

Predominano economia circolare e tutela del territorio

Ben 57 gare su 99, che in percentuale significa circa il 57,5%, sono state bandite per progetti legati alla Missione 2 del PNNR riguardante la rivoluzione verde e la transizione ecologica. Di queste, inoltre, la maggior parte riguarda l’economia circolare, quindi l’obiettivo di riciclare i rifiuti per contrastare il consumo e lo spreco di risorse. Circa la metà dei 57 appalti, infatti, è finalizzata alla realizzazione di nuovi impianti di gestione dei rifiuti e l’ammodernamento di quelli già esistenti.
Più nello specifico, gli appalti PNRR sono distribuiti nel modo seguente:

  • all’economia circolare e a una migliore gestione dei rifiuti (27 gare)
  • alla mobilità sostenibile, soprattutto con il rinnovo della flotta dei mezzi pubblici (11 gare)
  • all’efficienza energetica degli edifici pubblici (3 gare)
  • alla tutela della risorsa idrica, puntando soprattutto a ridurre le perdite di acqua (16 gare)

Un terzo degli appalti PNRR legati alla ricerca e all’inclusione

Un’altra fetta molto importante, circa un terzo delle 99 procedure di gara attive a dicembre 2023, riguarda l’istruzione e le infrastrutture sociali. Sono 19 i bandi che appartengono al primo gruppo, di cui ben 16 riferibili a programmi di sperimentazione e ricerca, mentre i restanti 15 sono legati all’inclusione e coesione, con un’attenzione particolare alle ZES (Zone Economiche Speciali).

Appalti PNRR a dicembre 2023: il Mezzogiorno surclassa le altre zone di Italia

Per la prima volta il Sud conta più gare attive del resto del Paese. Seppur di poco, il Mezzogiorno, con le sue 41 gare attive, supera il Nord che si ferma poco prima, con 39 bandi. Nelle regioni centrali sono stati avviati solamente 15 procedure, mentre 4 sono gli appalti nazionali.
A trainare il boom di bandi al Sud sono la Campania, che si prepara ad aprire ben 18 cantieri, e la Sicilia che ha indetto 14 gare. Tra le regioni settentrionali, invece, è la Lombardia a contare più procedure, ben 13, mentre le restanti 26 sono equidistribuite tra le altre regioni.

Vediamo, allora, nella seguente tabella come sono distribuiti gli appalti attivi PNRR a novembre 2023.

 

<div class=”flourish-embed flourish-table” data-src=”visualisation/15972156″><script src=”https://public.flourish.studio/resources/embed.js”></script></div>

SCARICA IL BANDO DI GARA

Potrebbe interessarti

Pnrr, via libera alla quarta rata dalla Commissione UE

Entro dicembre la quarta relazione semestrale sullo stato di avanzamento lavori del PNRR